iten

FUNGHI

9 dicembre 2015 » Categories : Attività Rete home page,Non categorizzato »

La Rete degli Orti Botanici pubblica una nuova Scheda di Campo dedicata ai FUNGHI

unnamedUna nuova Scheda di Campo che va ad arricchire la prima serie di 4 Schede che erano state pubblicate il 16 aprile scorso.

La nuova scheda sui funghi è stata realizzata in collaborazione con il Gruppo Micologico Cantù e Como, affiliato all’Associazione Micologica Bresadola ed è destinata a tutti coloro che vogliono imparare a riconoscere i principali funghi del nostro territorio.

Si tratta anche in questo caso di un opuscolo ad ante, che si apre a fisarmonica, di semplice consultazione ma rigoroso dal punto di vista scientifico.

Contiene da un lato la chiave dicotomica per arrivare facilmente alla identificazione del genere, dall’altro le indicazioni e qualche approfondimento: per chi è fatta questa guida,  come utilizzare la guida, cosa è giusto chiamare fungo, caratteri importanti da considerare, sporata, odore e sapore, ambiente di crescita, i funghi come alimento, tossici e commestibili, come si nutrono i funghi,  perché alcuni funghi crescono solo sotto determinati alberi?, ambiente di crescita, i nomi dei funghi, come comportarsi nel bosco.

Questo opuscolo didattico permette di conoscere il metodo corretto di identificazione dei funghi, il ruolo e l’identità precisa di questi organismi all’interno dell’ecosistema e i comportamenti consoni da mantenere per preservarli quando ci si reca in un bosco.

La Scheda funghi è in vendita ad un prezzo di copertina di 4 euro. Può essere ordinata alla Rete degli Orti botanici della Lombardia unitamente alle altre 4 (scrivendo a segreteria@reteortibotanicilombardia.it), nei sette Orti botanici della Rete o è possibile richiederla presso le principali librerie italiane.

Copyright: Rete degli Orti Botanici della Lombardia
Edizioni: Scripta – Verona

 

questo il link alla pagina del sito con le prime 4 Schede di Campo pubblicate http://reteortibotanicilombardia.it/2015/04/08/schede-di-campo/

 

i progetti della Rete sono realizzati con il contributo di

cariplo