iten

2011 – Interpretazione ambientale negli Orti Botanici, nei Parchi e nelle Aree Protette d’Italia

Corso organizzato dalla Rete degli Orti botanici della Lombardia nei giorni  7, 8 e 9 novembre 2011 a Villa Carlotta, a Tremezzo (Co)

Bilancio positivo di un corso nuovo per l’Italia
Il bilancio del corso, primo del suo genere in Italia, è da considerarsi molto positivo.
Pensato per direttori, curatori, responsabili dei servizi educativi, educatori, guide naturalistiche, addetti alla comunicazione e promozione, volontari in ambito educativo di Orti Botanici e Aree Protette d’Italia, si è svolto in un clima di entusiasmo e partecipazione e ha fornito ai partecipanti strumenti per decodificare, conoscere e far conoscere il patrimonio naturale di Orti Botanici e Aree Protette. Alto è stato l’indice di gradimento che i corsisti hanno espresso alla fine delle tre giornate di lavoro.

Pensato originariamente per un numero massimo di 20 partecipanti, ha avuto un numero di iscrizioni tale per cui è stato necessario sdoppiarlo. Nonostante la crisi e i conseguenti tagli alle risorse, il bisogno di formazione nell’ambito di chi lavora negli Orti Botanici e nelle Aree Protette d’Italia si è rilevato alto e determinato.

I numeri di un successo
37 sono stati i partecipanti, quasi tutti giovani
19 gli Orti botanici italiani rappresentati
28 sono state nel complesso le istituzioni presenti (Orti botanici, parchi, riserve naturali, ERSAF…)
6 sono stati i docenti degli altrettanti workshops effettuati
22  sono state le ore complessive di lavoro

Il materiale distribuito
Alla fine del corso è stato distribuito  l’opuscolo “Dai vita al tuo giardino” del Southern African Botanical Diversity Network (2000)  tradotto dalla Rete degli Orti botanici della Lombardia e disponibile in versione elettronica nella sezione pubblicazioni 

Pensando al futuro
Durante il corso è emersa la necessità della costituzione di una rete di educatori di Orti botanici e Parchi naturali. E’ emerso anche il bisogno di ulteriori momenti formativi, da realizzarsi a distanza o sotto forma di  workshop  residenziali. La Rete degli Orti botanici della Lombardia ha già ricevuto richieste in questo senso.