iten

Si conclude il progetto GARDMED

14 marzo 2013 » Categories : Ultime dagli Orti »

SI CONCLUDE  GARDMED IL PROGETTO DI COOPERAZIONE ITALIA-MALTA SOVVENZIONATO DALL’UNIONE EUROPEA

26-27 MARZO 2013 VALLETTA, MALTA

Dopo due anni di studio, condotto da botanici, paesaggisti, antropologi e esperti di marketing, si conclude “Gardmed, the network of Mediterranean Gardens“, un progetto che mira alla conservazione, gestione e valorizzazione dei giardini di Malta e delle province meridionali della Sicilia.  Capofila di Gardmed è l’Orto botanico dell’Università di Catania. Project Manager di Gardmed è Stena Paternò del Toscano e responsabile scientifica dello stesso progetto è Anna Guglielmo.

La nascita del progetto Gardmed è nato dalla constatazione che i giardini del Mediterraneo rappresentano un patrimonio spesso poco conosciuto e apprezzato, che potrebbe venire invece trasformato in risorsa del territorio sia dal punto di vista culturale, che ambientale, sociale, economico. I risultati raggiunti  Gardmed ha messo in rete 18 giardini, italiani e maltesi, pubblici e privati. Alcuni di questi, come la Latomia dei Cappuccini di Siracusa o Palazzo Parisio a Malta, sono delle realtà di rara bellezza. Gardmed ha elaborato per due giardini pubblici del suo circuito un modello di gestione sostenibile. Gardmed ha promosso i suoi giardini presso alcuni tour operators internazionali. Gardmed ha prodotto un manuale utile per la verifica di una gestione sostenibile degli spazi verdi del suo network. Gardmed ha prodotto un libro-catalogo sui giardini del suo circuito. Prospettive future Verrà verificata la fattibilità di realizzare delle scuole di giardinaggio in Sicilia e a Malta. Verrà verificata la possibilità di allargare la rete ad altri giardini del Mediterraneo.

CONTATTI  Stena Paternò del Toscano, Project Manager Gardmed stena.paterno@gmail.com Anna Guglielmo, Responsabile Scientifica Gardmed a.guglielmo@unict.it